Roma – Le nuove regole di accesso alla ZTL per gli NCC di altri Comuni

Stemma Comune di RomaIl 4 Ottobre 2012 la Giunta Capitolina, con deliberazione n° 282, Prot. 15516/12 ha approvato all’unanimità le nuove regole per l’accesso alle Zone a Traffico Limitato del Comune.

In sostanza, la norma dice testualmente:

LA GIUNTA CAPITOLINA

DELIBERA

1. che l’accesso dei titolari di autorizzazioni di Noleggio con Conducente rilasciate da altri Comuni all’interno delle Zone a Traffico Limitato di Roma Capitale debba avvenire mediante la preventiva comunicazione ed il preventivo pagamento dell’importo di accesso. E’ consentito l’accesso gratuito ai soli veicoli ad esclusiva trazione elettrica. La comunicazione deve contenere l’autocertificazione in ordine all’osservanza e la titolarità dei requisiti di operatività della legge 15 Gennaio 1992 n. 21, i dati relativi al singolo servizio per cui si inoltra la comunicazione nonché gli estremi identificativi dell’avvenuto pagamento dell’importo di accesso. La comunicazione deve essere presentata, anche a mezzo fax, esclusivamente a Roma Servizi per la Mobilità s.r.l. ed anche relativamente ai veicoli aventi accesso gratuito. In caso di necessità, l’accesso alla ZTL, in assenza della predetta comunicazione può essere regolarizzato esclusivamente entro 24 ore dal primo accesso mediante la presentazione della suddetta comunicazione. Il conducente deve conservare all’interno dell’autovettura copia della comunicazione e del versamento effettuato con la prova dell’avvenuta presentazione a Roma Servizi per la Mobilità S.r.l., da esibire agli organi di vigilanza. I versamenti possono essere effettuati tramite bonifico bancario, conto corrente postale e, presso lo sportello al pubblico di Roma Servizi per la Mobilità S.r.l., tramite bancomat. Roma Servizi per la Mobilità S.r.l. potrà prevedere altre forme semplificate di pagamento;

2. che la comunicazione di cui al precedente punto 1 dovrà necessariamente contenere:
― i dati identificativi dell’autorizzazione di Noleggio con Conducente, con l’indicazione del Comune che ha rilasciato il titolo, del numero identificativo dell’autorizzazione e della data di rilascio;
― i dati del titolare dell’autorizzazione e del conducente, se diverso dal titolare;
― i dati del veicolo utilizzato con il numero di targa e la tipologia emissiva;
― la data di inizio e la durata dell’accesso;

3. di approvare i seguenti importi di accesso:
NCC Prezzi ZTL 2012

Le maggiori entrate derivanti dalla previsione dell’onerosità dell’accesso alle Zone a Traffico Limitato agli operatori che svolgono servizi odi Noleggio con Conducente autorizzati da altri Comuni saranno accertate sulla risorsa sottoconto E 3.01.3000.0CST CDR 0TP. Il Dipartimento Mobilità e Trasporti e Roma Servizi per la Mobilità S.r.l. provvedono a pubblicizzare sui rispettivi siti internet le suddette disposizioni le quali verranno applicate decorsi 30 giorni dalla data di approvazione della presente deliberazione.

La norma è scaricabile per intero cliccando su questo link

Cliccando qui puoi visualizzare il post che riguarda le nuove procedure di accesso alle ZTL di Roma

nccitaliani.it
 
…………………

9 thoughts on “Roma – Le nuove regole di accesso alla ZTL per gli NCC di altri Comuni

  1. Michelino ha detto:

    Io non capisco ma il permesso che è ho fatto con validità dal 02.04.12 al 31.12.2012 ed ho pagato i 90,00 euro che il comune di Roma avendo perso il ricorso mi deve rendere che fine fa se la delibera deve partire dal 04.11.2012 se qualcuno mi da una risposto lo ringrazio ( scusate l’ignoranza )

    1. nccitaliani.it ha detto:

      Le nuove procedure hanno validità dal 23/10/2012 fino al 02/12/2012. Successivamente per tutti gli NCC di fuori Roma sarà necessario attenersi alla delibera 282/12 e le indicazioni dell’Agenzia per la Mobilità di Roma. L’ultimo post parla di questo….
      😉

  2. NCC Italiano ha detto:

    Carissimo Sindaco Alemanno hai messo in ginocchio la Citta’ piu’ bella del mondo portandola ad essere una delle capitali mondiali piu’ sporca e con servizi che non funzionano. Ora vorresti far sparire uno dei servizi piu’ efficienti della capitale cioe’ noi NCC di fuori Roma che svolgiamo uno dei servizi piu’ apprezzati dai turisti e cittadini nella Citta’ che rappresenti…..
    SPERO CON TUTTO IL CUORE CHE PRESTO TE NE RITORNI A CASA SCONFITTO.

  3. Lorenzo ha detto:

    In una Italia che sta vivendo una crisi inaccettabile e una disoccupazione ai limiti della disperazione, il ns. sindaco ancora insiste ad aumentare questo disagio. Noi come romani anche se titolari di autorizzazione della provincia, paghiamo già sulle ns buste paga la tassa comunale e soprattutto quella regionale per un totale di circa 50 euro al mese, che puntualmente ci pensano “loro” a papparseli e a noi non ci rimane che ad andare a rubare?????????????????? basta ci siamo stufati andatevene tutti a casa……VI LICENZIAMO!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. Nicorm ha detto:

    E i “titolari romani” se potevano prendè una licenza del comune di Roma!!!! Invece quelli che le avevano se le so vendute a 100.000 euro o più e se so comprati quelle burine con prezzi da 5.000 in su…. grandi affaristi che poi se vanno a fa tranfer per l’aeroporto da 30/35 euro….
    L’ITALIA E’ UNA REPUBBLICA FONDATA SUI FURBONI!!!!
    Basta !

    1. Francavillas ha detto:

      Quarda caso quelli che si sono venduti l’autorizzazione di Roma e si sono comprati quelle di fuori Roma o fuori Regione, ora sono quelli che battono sulla gran cassa e minacciano ricorsi al tar e voi gli andate appresso… sveglia!!!

  5. Alessio ha detto:

    Ora basta bisogna agire contro questo dittatore che denigra chi cerca di lavorare onestamente in un paese che non da’ modo di crescere e dove chi va al palazzo vedi i suoi affiliati fanno il loro comodo e’ una VERGOGNA,tanto il vostro mandato sta per scadere e tu andrai ad arare i campi nella tua provincia di bari . l’ITALIA e’ una repubblica fondata sul LAVORO onore a chi cerca di poterla espletare .ricorda che le licenze sono burine ma i titolari sono ROMANI.

  6. NCCRomani ha detto:

    Caro collega… direi “praticamente ci hanno fatto tornare da dove siamo venuti”. Comprati come abbiamo fatto noi una licenza di Roma oppure lotta per far si che il comune ne rilasci altre regolari… ma a Firenze non si paga la stessa cifra???????

  7. djmustquick ha detto:

    Bisogna agire subito con una class action per contrastare tale iniziativa discriminatoria e sospendere gli effetti disastrosi immediatamente in attesa di una sentenza del TAR del Lazio. Praticamente ci hanno cacciato.

Scrivi un commento all'articolo